Oggi licenziare costa di più

Oggi licenziare costa di più

Quando l’azienda procede al licenziamento di un dipendente deve pagare all’INPS un contributo (c.d. Ticket di licenziamento/NASpi).

P.S. Non è dovuto nel caso sia il lavoratore a dimettersi.

A QUALE SCOPO?

L’obiettivo di questo contributo è finanziare la NASpi, cioè l’indennità di disoccupazione.

DI QUANTO PARLIAMO?

L’importo varia a seconda dell’azianità di servizio del dipendente presso l’azienda stessa e viene comunicato dall’INPS ogni anno con apposita circolare.

NEL 2024:

Per ogni anno di lavoro il valore del ticket di licenziamento è pari a 635,67 euro, per un massimo di 3 anni, cioè massimo 1.907,01 euro totali di ticket (1.809,30 euro l’anno scorso).